NEWS/EVENTI

Winners 2019: la serata di gala del Club del Gommone

Tanta bella gente lo scorso sabato sera, 9 novembre 2019, al Club del Gommone di Milano. Un parterre de roi composto innanzi tutto dai componenti del club, linfa vitale dell’associazione per ciò che concerne tutte le attività sociali, culturali e ricreative svolte ogni anno: una folta schiera di diportisti che trovano nel gommone, nell’andar per mare sotto l’egida del Club milanese, una passione ma spesso anche uno stile di vita.

 

Guest star della serata, tanti personaggi provenienti dal mondo della nautica produttiva, quella legata ai battelli pneumatici e ai motori, che nel 2019, attraverso prodotti e iniziative, hanno avuto un ruolo rilevante nella vita del Club. Fra questi anche il top management della divisione Marine di Suzuki, rappresentato da Paolo Ilariuzzi, direttore commerciale e marketing, e da Immacolata Moretta, coordinatrice marketing e comunicazione: un team al quale riconoscere il merito di aver fortemente creduto nella valenza delle attività del Club del Gommone di Milano. Grazie al loro lavoro e a quello del Presidente del Club, Virginio Gandini, dopo i tre raid svolti nel 2017, 2018 e 2019 – Il Giro d’Italia in Gommone, Il Raid a Gibilterra e il Raid ad Atene – che hanno visto il senza patente Suzuki DF40A protagonista delle imprese, la partnership è stata riconfermata anche per l’anno prossimo quando il Club del Gommone di Milano organizzerà il Raid Londra 2020. Stavolta, vista l’impresa decisamente più lunga e impegnativa delle precedenti, per motorizzare il battello pneumatico NJ700XL, un RIB lungo m 6,98 per 3,24 di larghezza, Suzuki metterà a disposizione un DF300B, l’unico fuoribordo al mondo nella fascia di potenza dei 300 HP a essere dotato di un sistema di propulsione a doppia elica controrotante (Suzuki Dual Prop).

 

Fra gli altri ospiti della serata anche il comandante Sergio Davì, premiato dal Club del Gommone per l’impresa portata recentemente a termine, quella dell’ICE RIB CHALLENGE, uno dei più impegnativi raid mai tentati nella motonautica: da Palermo a New York, passando per le Isole Far Øer e la Groenlandia ovvero 330 ore di navigazione durante le quali ha percorso 6.270 miglia a una velocità media di circa 19 nodi. Una rotta incredibile conclusa senza problemi tecnici grazie alla straordinaria affidabilità dei due fuoribordo Suzuki DF350A - anch’essi gli unici motori da 350 HP con propulsione a doppia elica controrotante – che hanno spinto in sicurezza il suo gommone un Prince 28, sempre della Nuova Jolly, fino al traguardo della Grande Mela.

Cosa stai cercando?